Per ricevere i nuovi post via email

mercoledì 15 aprile 2015

Le biglie, un gioco davvero per tutti.




Il gioco delle biglie si perde nella notte dei tempi. Quasi tutti hanno giocato, sulla spiaggia, misurando la forza e la precisione di un tiro e osservando la perfezione delle sfere roteare sulla pista imprevedibile della sorte.
Quasi tutti, ma forse non tutti.
Chi non ha la possibilità di sedersi a terra, chi non riesce a mantenere una postura seduta perché non è in grado di sorreggere il tronco, chi ha difficoltà nella motricità fine e non può unire l’indice e il pollice per scoccare il lancio forse non ha mai giocato a biglie.

 In occasione del Salone del Mobile è stata presentata una pista di biglie accessibile, progettata dall’architetto Deborah Ballarò in collaborazione con l'associazione onlus L’abilità. Questa anomala installazione è stata creata a partire dalla filosofia progettuale del Design for All che si pone l’obiettivo di sviluppare servizi e predisporre ambienti che siano accessibili alla “più ampia gamma possibile di utenti” (Besio, 2010).
La pista consente a tutti i bambini, anche a chi si muove su una sedia a rotelle di giocare insieme agli altri. Il percorso ampio della pista permette inoltre di utilizzare non solo le piccole sfere di vetro ma anche palle più grandi, morbide e leggere per i bambini che hanno difficoltà nella motricità delle mani.
La pista, allestita presso l’Università Statale di Milano fino al 15 maggio, è un progetto importante per porre l’attenzione sulla possibilità di rendere gli spazi in cui viviamo accessibili e adatti alle esigenze di tutti e per ribadire ancora una volta il diritto al gioco e all’inclusione dei bambini con disabilità.



Nessun commento:

Posta un commento