Per ricevere i nuovi post via email

mercoledì 20 gennaio 2016

Nuove armonie. Il potere trasformativo dell'immaginazone ludica

Tutti i sacri giochi dell’arte sono solo remote riproduzioni del gioco infinito del mondo, dell’opera d’arte che eternamente da sé stessa si produce.
Schlegel, Discorso sulla poesia   


"L’immaginazione attiva è ludica, nel senso che gioca con la sostanza immaginante del mondo e scopre continuamente inedite connessioni e ricombinazioni per vedere nelle cose non già la loro mera utilizzabilità, ma nuove forme e funzioni che sono rivolte al divertimento, al piacere, alla logica del desiderio".
F. Antonacci, L'immaginazione ludica, un potere che trasforma in Game Design. Gioco e giocare tra teoria e progetto, a cura di M. Bertolo e I. Mariani, Pearson, 2014, p. 29


Paul Klee, New Harmony, 1936

Alighiero Boetti, Positivo Negativo, 1988-1989

Eri Iwasaki, Le jeu

Otto Freundlich, Untitled, 1934

Robert Delaunay, Relief; Rhythms, 1932

Ben Nicholson, Painting, Cadmium Red, Lemon and Cerulean, 1936

Jean Hélion, Équilibre, 1934

Auguste Herbin, Composition, 1939

Nessun commento:

Posta un commento