Per ricevere i nuovi post via email

martedì 7 giugno 2016

Il banco dell'anima

Ecco dove può svolgere la sua efficacia, l’educazione.
Noi invece teniamo gli scolari in iscuola compressi tra quegli strumenti degradanti il corpo e lo spirito che sono: il banco, e il premio e i castighi esteriori, al fine di ridurli alla disciplina dell’immobilità e del silenzio, per condurli dove? Purtroppo per condurli senza scopo.
Si tratta di travasare meccanicamente il contenuto di programmi nella loro intelligenza: programmi compilati spesso nei ministeri e imposti per legge.
Dinanzi a tale oblìo della vita, che è la vita nei nostri figli e della posterità, vien fatto di arrossire pieni di confusione e di vergogna.
Veramente «oggi s’impone come bisogno urgente il rinnovamento di metodi per l’educazione e per l’istruzione; chi lotta per questo, lotta per la rigenerazione umana».
M. Montessori, La scoperta del bambino

Tadeusz Kantor, La classe morta, 1975

Pierre-August Renoir , The Artists Son, Jean, Drawing, 1901

Telemaco Signorini, Bambina che legge

Telemaco Signorini, Bambina che scrive

Théophile E. Duverger, When the Cat's Away the Mice Will Play, c1860

Nicholas Hytner, The History Boys, 2006

Nessun commento:

Posta un commento