Per ricevere i nuovi post via email

mercoledì 19 aprile 2017

La tartaruga rossa

 

Giorni di vacanza. I primi tepori, una ritrovata lentezza, tempi dilatati. Lo spettacolo delle venti e dieci. La sala rossa gremita di bambini e adulti, di ogni età. Buio in sala. Attimo di attesa in cui si concentra ciò che sta per accadere, soglia rituale che propizia l’ingresso nell’illusione di realtà del cinema e orienta lo spettatore verso la possibilità di una trasformazione.
L’istante di silenzio è interrotto dal rumore di onde furenti che si infrangono sullo schermo.
«È iniziato». Segnala una voce tremolante e concitata di bimbo.
 
E poi più nulla. Per oltre un’ora non si ode una sola parola provenire dallo schermo e dal pubblico. Solo stupore, concentrazione, contemplazione, emozione. Sono tutti immersi nelle immagini poetanti del regista olandese Michaël Dudok de Wit, dissolti collettivamente nel mistero della natura, del cosmo e dell’esistenza.
Gli spettatori, insieme ai protagonisti del film, divengono compartecipi del processo di scoperta della vita che scorre nel flusso e riflusso delle maree, nella circolarità del tempo dei giorni, delle stagioni, degli anni, del divenire. Naufraghi su un'isola deserta ci riscopriamo parte del cosmo, alfine riconciliati e ricongiunti amorosamente con esso.
 
Sui titoli di coda c'è ancora buio e silenzio. Si avverte il bisogno di un altro istante concentrato per congedarsi momentaneamente dall'isola, dalle immagini, dal film.
E poi un vociare entusiasta di bambini esplode nella sala rossa.
 



Nessun commento:

Posta un commento