Per ricevere i nuovi post via email

domenica 4 marzo 2018

The Shape of Water



E chi sei tu? Chiesi all’acquata, che dolcemente pioveva,
Ed essa, strano a dirsi, mi diede questa risposta, che ora traduco:
Della terra sono il Poema, rispose dunque l’acquata,
Eterna mi sollevo impalpabile dalla terra e dal mare insondabile,
Su verso il cielo, donde, in forma vaga, totalmente mutata eppure sempre la stessa,
Discendo a lavare le aridità, i detriti, gli strati di polvere del mondo,
E quanto in essi, senza il mio ausilio, sarebbe seme latente, non nato;
Perenne di giorno, di notte, restituisco la vita all’origine mia, la abbellisco e purifico;
(Perché il canto, emerso dal suo luogo natale, dopo il compimento e l’errore,
Ascoltato o non ascoltato, debitamente con amore ritorna).
Walt Whitman

L’acqua, nella poesia “La voce della pioggia” di Walt Whitman, è un elemento multiforme, ambiguo, impalpabile e mai afferrabile. L’acqua scorre e ristagna, è eterna, è fonte di vita e di morte.

L’acqua, nel film “The Shape of Water” di Guillermo del Toro, è simbolo di trasformazione, dissoluzione, contagio, rinascita (Antonacci, 2007).
L’acqua penetra in molte immagini del film: inonda, cade a dirotto, gocciola dal soffitto, riempie una vasca e poi un’intera stanza.
L’acqua lava “gli strati di polvere del mondo” e della guerra, pulisce letteralmente e metaforicamente le crudeltà del colonnello Strickland.
L’acqua accoglie una strana e sinuosa creatura, dio del mare, metà uomo-metà pesce. Un animale che la razionalità umana vede come oggetto da vivisezionare per dominare la Terra e lo Spazio e che il cuore, organo dell’immaginazione, vede come creatura tra le creature. Animale mitologico che abita un mondo intermedio tra la terra e l'acqua, un mondo intermediario tra visibile e invisibile.
L’acqua attrae a sé una giovane donna, Elisa, che si lascia incuriosire e intridere da essa. Elisa non può parlare, è muta, è accumunata alla creatura anfibia dalla mancanza del linguaggio verbale. E la mancanza della parola la accomuna anche all’infanzia. Elisa è portatrice di uno sguardo d’infanzia, minore e minorato, che per questo sa ascoltare per capire, sa intuire la singolarità dell’altro, sa accogliere la diversità. Gli unici due amici di Elisa sono la collega afroamericana Zelda e il vicino di casa omosessule Giles, figure segnate e stigmatizzate dalla differenza.
L’acqua culla e abbraccia Elisa e la creatura, nell’immagine finale del film invitando a lasciarci ammaliare da essa, a lasciarci sprofondare nei sui cupi fondali, alla ricerca dell’amore.  



Nessun commento:

Posta un commento