Per ricevere i nuovi post via email

domenica 3 febbraio 2019

Il piccolo Clown


Il teatro è pieno e brulica di un vociare fluttuante e trasognato. Lentamente si abbassano le luci che preannunciano ai piccoli e grandi spettatori che qualcosa sta per accadere. Dal buio esplode un boato di stupore, attesa, paura. Il buio consente l’ingresso in un luogo altro, nello spazio dell’immaginazione creatrice che i bambini sono soliti abitare. Per questo non credo abbiano bisogno di adulti che, come traduttori simultanei, spieghino rigorosamente e incessantemente cosa succede sul palcoscenico. Non servono le parole. C’è silenzio, attenzione, incantamento.
Lo spettacolo può iniziare.


Un arcigno e scostante contadino entra in scena. Compie, solitario, le sue routine quotidiane scandite dai ritmi del lavoro e della terra. Finché un giorno,  un piccolo clown, portato misteriosamente da un treno, irrompe nella sua vita. Il bambino cerca da subito una relazione di gioco con l’adulto, con urgenza e naturalezza. L’adulto ne è infastidito, lo ignora, non comprende gli scherzi, i gesti inutili e esilaranti del bambino che vorrebbe danzare, suonare, sognare con l’adulto.

Non vi spiegheremo cosa succede poi. Vi invitiamo semplicemente a essere spettatori incantati, come i bambini, che si lasciano compenetrare dalla magia di questo spettacolo per uscire da teatro trasformati e con in testa il cappello rosso del piccolo clown, bambino letterale e metaforico sepolto in tutti a irraggiungibili profondità. Il bambino curioso, irriverente, serio e allegro insieme, che indica il percorso per ritrovare il tesoro nascosto dell'infanzia  e scavalcare i recinti delle categorie note e strumentali che irretiscono la nostra vita quotidiana in ogni minimo aspetto (Zolla, 2002).

Alla fine dello spettacolo i due attori, padre e figlio, si siedono sul palcoscenico e i bambini gli corrono incontro per  un abbraccio, per ringraziarli di questo emozionate incontro.  


Di Klaus Saccardo, Nicolò Saccardo e Natascia Belsito
Con Klaus Saccardo e Nicolò Saccardo
Produzione Compagnia dei somari, ariaTeatro, Teatro delle Garberie

Nessun commento:

Posta un commento